Martin Luther King Jr.

martin-luther-king-jr1.jpg

Martin Luther King Jr. (1929 –1968), è stato un pastore protestante, politico e attivista statunitense, leader del movimento per i diritti civili degli afroamericani. Il suo nome viene accostato per la sua attività di pacifista a quello di Gandhi, il leader della non violenza della cui opera King è stato un appassionato studioso, e a Richard Gregg, primo americano a teorizzare organicamente la lotta non violenta. L’impegno civile di Martin Luther King è condensato nella Letter from Birmingham Jail (Lettera dalla prigione di Birmingham), scritta nel 1963, e in Strength to love (La forza di amare) che costituiscono un’appassionata enunciazione della sua indomabile «crociata per la giustizia». Unani-memente riconosciuto apostolo instancabile della resistenza non violenta, eroe e paladino dei reietti e degli emarginati, “redentore dalla faccia nera”, Martin Luther King si è sempre esposto in prima linea affinché fosse abbattuto nella realtà americana degli anni cinquanta e sessanta ogni sorta di pregiudizio etnico. Ha predicato l’ottimismo creativo dell’amore e della resistenza non violenta, come la più sicura alternativa sia alla rassegnazione passiva che alla reazione violenta preferita da altri gruppi di colore. Come Martin Luther King pensava la chiesa:

Trascurando la necessità di promuovere riforme sociali, la religione finisce per essere disgiunta dalla corrente della vita umana. Secondo un comitato di predicatori, il primo requisito essenziale per un nuovo ministro del culto è il seguente: "Deve predicare il vero Vangelo e non parlare di questioni sociali". Ma questo è il modello di una chiesa pericolosamente inutile, nella quale la gente si riunisce solo per ascoltare pie banalità. Trascurando il fatto che il Vangelo parla del corpo dell'uomo non meno che della sua anima, dare risalto a uno solo di questi aspetti crea una tragica dicotomia tra sacro e profano. Per essere degna della sua origine neotestamentaria, la chiesa deve cercare di trasformare sia le vite dei singoli, sia la situazione sociale, fonte di angoscia per molte persone sottomesse ad una crudele schiavitù

Martin Luther King, UN DONO D'AMORE, Edizioni Terra Santa, p. 199